“Chi semina vento raccoglie tempesta”

L’espressione compare per la prima volta nel Vecchio Testamento. Nei libri a lui attribuiti, il profeta Osea scrive, a proposito dei figli di Israele: “E poiché hanno seminato vento raccoglieranno tempesta”. All’inizio del suo libro della Bibbia, il profeta si scaglia contro la classe dirigente israelita e contro la casta sacerdotale, che agendo secondo lui contro le leggi di Dio avevano portato nel popolo smarrimento, ingiustizie e violenze. Il senso della frase (diventata proverbiale, anche nella forma attenuata “si raccoglie ciò che si semina”) era questo: chi agisce in modo malvagio pagherà conseguenze ancora più gravi rispetto alle azioni compiute.

Espressioni simili compaiono pure in diversi autori greci come Aristotele, Platone e Gorgia, così come in autori latini. Tra questi Cicerone, che nel trattato De oratore scrive “Mieterai ciò che avrai seminato”.

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus
close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus