Cinque Terre: primi provvedimenti contro il turismo di massa

Cinque Terre

Il turismo di massa è diventato un problema di dimensioni enormi, con cui le città turistiche devono iniziare a fare i conti. Le Cinque Terre, uno dei luoghi più visitati d’Italia, è il primo a prendere misure in tal senso. A partire dal primo giugno sarà obbligatorio pagare con un’apposita carta elettronica per recarsi sui sentieri che collegano alcuni dei borghi come Monterosso al Mare e Vernazza. “Non è il numero chiuso che stiamo cercando — precisa il presidente del Parco delle Cinque Terre — Il nostro territorio, piccolo e fragile, va tutelato”. Anche Venezia potrebbe seguire la stessa strada: il sindaco Brugnaro ha recentemente proposto l’utilizzo di apparecchi conta-persone e di ticket per regolare gli accessi a piazza San Marco, ma non tutti gli operatori turistici sembrano entusiasti all’idea.

Giovanni Canzanella

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus
close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus