L’invenzione della moka

moka

La moka, ideata da Alfonso Bialetti nel 1933, nacque da un’intuizione: l’industriale osservò alcune lavandaie che facevano il bucato in una vasca con al centro un tubo da cui fuoriusciva acqua calda e sapone che si distribuiva sui panni. Al ritorno a Crusinallo, una piccola frazione del comune di Omegna, nel Piemonte, progettò la macchina. E la chiamò moka, dalla città di Mokha (Yemen), tra i più rinomati centri di produzione del caffè. Precedentemente il caffè si faceva in altri modi: nel 1802 il francese Antoine Descroizilles inventò la caffettiera di terracotta, la “caféolette.” Ma c’era anche il bollitore all’americana e naturalmente la cuccuma a infusione. Le macchine espresso apparvero in Italia intorno al 1906. La moka rese però più rapida l’abitudine casalinga di bere il caffè.

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle PlusGoogle Plus
close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle PlusGoogle Plus