PodcastPrimo Levi: il dovere di ricordare

Primo Levi
Lire

Chimico, per un breve tempo partigiano, deportato ad Auschwitz, sopravvissuto, scrittore. Ebreo. Italiano.
Trent’anni fa moriva l’autore di
Se questo è un uomo, una delle più importanti testimonianze della Shoah.

L’11 aprile del 1987, trent’anni fa, Primo Levi fu trovato senza vita in fondo alle scale della sua abitazione. Alle 10.20 di una mattina come un’altra a Torino, in corso Umberto numero 75. Chimico, per un breve periodo partigiano, prigioniero ad Auschwitz, sopravvissuto, poi scrittore e tra i principali testimoni della Shoah. Dissero che s’era suicidato, improvvisamente, a 67 anni. Forse per colpa della depressione, che l’aveva toccato sin da giovane e già prima del suo viaggio nell’orrore. Oppure, spiegarono, l’aveva fatto perché molto preoccupato per la madre, 92enne e malata. Negli occhi di lei sofferenti rivedeva, scrissero, quelli dei suoi compagni di Auschwitz, il loro dolore, il suo, quegli incubi di quarant’anni prima che raccontava di avere superato ma che, in realtà, l’avevano sempre accompagnato e continuavano a restargli a fianco.

Biagio Picardi

Pour lire la totalité de l’article abonnez-vous à la revue

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus
close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus