Quando i giochi all’aperto diventano illegali

Giocare all’aperto è sempre stato un diritto indiscutibile dei bambini. Tuttavia in molti comuni italiani fioccano regole e direttive intente a limitare questo diritto. Qualche esempio: a Ponzano Veneto è proibito lanciarsi palle di neve, a Livorno è vietato arrampicarsi sugli alberi, a Finale Ligure, niente pallone per le strade. A Palermo è addirittura proibito ogni tipo di gioco sul suolo pubblico. Molti di questi regolamenti vengono, di fatto, dimenticati, ma con la scusa della quiete pubblica i divieti si moltiplicano: niente pallone, niente giri in bicicletta, niente gare a rincorrersi. In questo panorama di divieti Roma e Torino hanno deciso di eliminare ogni divieto riguardante i giochi all’aperto. I bambini sono salvi almeno nelle due capitali storiche d’Italia.

Giovanni Canzanella

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle PlusGoogle Plus
close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle PlusGoogle Plus