PodcastTutti-Frutti della lingua italiana.
Gli italianismi nel mondo

Lire

Fin dai primi anni di scuola, siamo stati abituati a pensare le lingue come insiemi separati, dai margini definiti: in Italia si parla italiano, in Francia francese. L’inglese, meravigliosa eccezione, serve anche da lingua franca al resto del mondo. E all’inglese dobbiamo fare attenzione, perché la sua popolarità rischia di insinuarsi nella nostra lingua fino ad imporre nell’uso comune termini fino a qualche tempo fa sconosciuti.

La purezza della lingua è in realtà un concetto molto più opaco di quanto possiamo immaginare, perché se oggi è l’inglese a bussare alle porte dell’Accademia della Crusca o dell’Académie Française, fino a qualche tempo fa questo ruolo “inquinante” era ricoperto dal francese, e ancora prima dall’italiano.

L’andamento della “popolarità” di una lingua non è lasciato al caso. L’economia scrive la storia, e se l’inglese e il francese sono oggi le due lingue più studiate al mondo è grazie alla loro importanza sul mercato mondiale e al passato espansionistico dei loro paesi d’origine. Anche la lingua italiana ha conosciuto un apogeo tra il XVI e il XVIII secolo, ben prima dell’Unità politica dell’Italia, e subito dopo il Rinascimento.

Francesca Vinciguerra

Pour lire la totalité de l’article abonnez-vous à la revue

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus
close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus