A Napoli extracomunitari con diritto di voto

Qualche mese fa, fu il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a segnalare la necessità di dare più voce ai cittadini extracomunitari all’interno delle istituzioni italiane. Il nostro paese infatti diventa ogni anno più multietnico, i flussi migratori aumentano così come aumentano i figli di immigrati che nascono sul territorio italiano, privi di qualsivoglia diritto. Il comune di Napoli ha fatto sua la richiesta di Napolitano varando due provvedimenti: uno che prevede la possibilità, per un cittadino extracomunitario che abbia compiuto il sedicesimo anno d’età, di partecipare ai referendum consultivi che coinvolgono la città di Napoli. Il secondo stabilisce che alle sedute del consiglio comunale potrà partecipare, con solo diritto di parola, un cittadino extracomunitario eletto secondo un apposito regolamento.

Giovanni Canzanella