Due milioni di italiani schiavi della scaramanzia

Scaramanzia

Non c’è bisogno di un indovino per sapere che noi italiani siamo tra i popoli che più rappresentano la scaramanzia: corni, feticci portafortuna…spesso ricorriamo a piccoli espedienti per controllare ansie e paure. Ma spesso si rischia di sfociare nella paranoia o nell’ossessione.

Circa 1,8 milioni di italiani sono pesantemente influenzati da questi gesti scaramantici. A dirlo è lo psichiatra Tonino Cantelmi, docente di Psicologia dello sviluppo; per Cantelmi, non è questione di “cultura” poiché questo atteggiamento attraversa ogni fascia sociale e culturale, e “affonda la sua radice nel bisogno irriducibile di controllare e di dare un senso alla realtà”. Persino tra i giovani, gatti neri e specchi rotti fanno ancora paura. Aggrapparsi alla scaramanzia, ad un oggetto feticcio per allontanare l’angoscia prima di un esame va bene, a patto che l’assenza di un “buon segno” non implichi un insuccesso. Nel dubbio, meglio studiare!

Giovanni Canzanella

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *