Cappellano di Dio e militare?
No grazie

Lire

Vi sembra normale che una legge dello Stato italiano equipari i sacerdoti in divisa agli ufficiali? Vi pare normale che per far benedire le truppe che partano in guerra, lo Stato italiano debba spendere oltre 20 milioni di euro?

Il Papa la sua opinione l’ha fatta conoscere da tempo: per assistere spiritualmente i soldati, in caserma e nelle missioni all’estero, non servono sacerdoti coi gradi. Sarebbe potuto andare anche più lontano chiedendosi se servono sacerdoti tout court. Ma nell’Italia che ha rinunciato al buonsenso, l’assimilazione dei cappellani militari a ufficiali delle Forze armate in virtù di una legge del 1961 è intoccabile. Difficile da capire perché. Sacerdoti-colonnello, sacerdoti-tenente o capitano che possono aspirare a diventare generali e hanno diritto a retribuzioni dorate, indennità di ogni tipo, avanzamenti automatici di carriera e una serie di benefit assai lontani dall’idea della Chiesa tanto cara a Bergoglio, ma soprattutto al Vangelo.

È questo “miscuglio”, metà religioso e metà temporale, che infastidisce. Il cappellano, infatti, fa parte a tutti gli effetti dello Stato italiano, ha rapporti diretti con il Quirinale (residenza del Presidente della Repubblica, ndr) che li nomina, il ministro della Difesa e il potere politico. Un mondo che è un trampolino per fulgide carriere.

Flavio Apriglianese

Pour lire la totalité de l’article abonnez-vous à la revue

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus
close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus