I negozi della crisi

Per via della crisi economica, gli italiani sono molto attenti alle loro spese e invece di comprare nuovi beni, privilegiano riparazioni e riciclaggio. Un nuovo mercato in espansione.

Quando “crisi” e “riparazione” vanno a braccetto. Si compra di meno, si aggiusta di più. È una tecnica di sopravvivenza. Così nascono catene di negozi dedicate al salvataggio di abiti consunti. Lavorano intensamente i calzolai chiamati a fare gli straordinari per risuolare scarpe. Vanno per la maggiore i meccanici capaci di dare sprint ad automobili che hanno superato i 200.000 chilometri. Ci sono le file nei centri d’assistenza specializzati nell’approvvigionamento e nell’installazione di pezzi di ricambio per elettrodomestici. La lavatrice non si butta più. Si ripara, poi si ripara, poi si ripara di nuovo.

Vincenzo Iurillo

Bottone Radici

Dans le même numéro