Dischi 79-80

Sacri cuori Delone

Sacri Cuori

DELONE

Label Glitterbeat / Differ-Ant

Non fatevi ingannare dal nome, poiché il gruppo guidato dal batterista e percussionista Diego Sapignoli, di sacro ha ben poco. Difficile etichettare la loro musica, basti dire che le composizioni della band (già molto celebrata fuori dei confini italiani) hanno il suono degli anni ‘60 e della psichedelia di quel periodo, con un occhio di riguardo alla musica folk. I brani, per lo più strumentali, sembrano colonne sonore per film mai realizzati, ma che contribuiscono a renderli davvero originali e sempre più attraenti, ascolto dopo ascolto. Pur essendo fuori dall’ambito del pop, il disco si rivela fresco e ben ascoltabile.


2Malika Ayane

NAÏF

Label Sugar Music

Tra le nuove interpreti di musica italiana, un posto d’onore spetta senza dubbio a Malika Ayane: già 4 dischi all’attivo, 20 singoli, quasi 500mila copie vendute e sette dischi di platino. La voce di Malika è puro velluto e il suo nuovo disco è ben lontano dall’essere ingenuo, come suggerisce il titolo: è un pop pulito e ricercato allo stesso tempo, merito anche degli ottimi musicisti del collettivo Jazzanova che collabora da tempo con la cantante. Dall’armonioso valzer di Lentissimo fino alla samba di Blu, il disco è ben costruito nelle sue 10 tracce (11 nella versione digitale) e l’interpretazione della cantante è raffinata e personale.


Ludovico Einaudi

TARANTA PROJECT

Label Ponderosa Music & Arts

Insieme al collega Stefano Bollani, Einaudi è uno dei pianisti italiani più apprezzati all’estero, merito della sua musica delicata, ma anche del suo stile minimalistico. Ma alle atmosfere liriche, questa volta Einaudi sostituisce i ritmi sfrenati dei balli della Puglia: le tarante. «Volevo ricercare connessioni con altri mondi musicali, ma anche una relazione tra quell’ossessione ritmica che è la taranta e altre culture musicali». Il disco è frutto di un lavoro di gruppo, musicisti italiani e stranieri accompagnano il pianista torinese in questo viaggio nei suoni del Sud che è un ponte tra la tradizione salentina ed i suoni della musica contemporanea.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *