Dischi 93

Gino Paoli, Danilo Rea

3

Parco della Musica Records

L’incontro tra il maestro della musica leggera Gino Paoli ed il talentuoso pianista Danilo Rea, è uno di quelli destinati a fare storia. I due si erano incontrati già nel 2011 per registrare un disco di jazz, un genere non del tutto estraneo a Gino Paoli, ma oggi con questo nuovo lavoro il duo si avvicina alla chanson française: Trenet, Brel, Bécaud, Gainsbourg, Ferré… tutti i grandi del cantautorato francese reinterpretati nello stile sobrio ed elegante di Gino Paoli ed arricchito dalle musiche di Rea (già pianista di fiducia di Mina, Fiorella Mannoia, Adriano Celentano e tanti altri). Il disco sarà presentato dal vivo, in anteprima assoluta il 14 dicembre a Roma, nella sala di Santa Cecilia.


Nina Zilli

MODERN ART

Universal

La nuova vague di cantautrici italiane passa inevitabilmente dalla voce di Nina Zilli, che in pochissimo tempo si è imposta come un’interprete originale e di primo piano. Pur nel suo look alla Billie Holiday (e nel nome d’arte, che richiama quello di Nina Simone), la musica di Zilli ha senza dubbio i suoni del pop contemporaneo, ed è lei stessa a dirlo: «È un disco urbano e tropicale scritto tra Milano e la Jamaica e prodotto a Los Angeles. Nei contenuti è pacifista ma anche rivoltoso perché quando si sente il bisogno di pace bisogna in qualche modo far sentire la propria voce». Il singolo Mi hai fatto fare tardi è già un successo, diffusissimo in tutte le radio.


Eugenio Bennato

DA CHE SUD È SUD

Foxband

Il giramondo Eugenio Bennato torna in studio e ci offre una sequenza di 12 canzoni che si fanno girare tutt’intorno al mondo: dall’America Latina al Nord Africa, nel Mediterraneo e fino a Samarcanda, in Estremo Oriente. Alla voce di Bennato, si accompagna una lingua diversa per ogni canzone: francese, spagnolo, arabo, ognuna con una musicalità unica ed un ritmo che rende questo disco un viaggio in territori poco esplorati. Il disco è anticipato dal singolo Eugenia e Hajar, e segnerà l’inizio di una tournée teatrale che toccherà tutta l’Italia.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *