Gianmaria Testa, portrait d’un artiste tranquille

Gianmaria Testa

Un cantautore di quelli che di rado si vedono in giro di questi tempi: pacato, colto senza mai esibirlo, pieno di poesia, lontano dai cliché sensazionalisti di un ambiente che ci ha messo troppo tempo ad accorgersi del suo talento. Ci ha lasciato, stroncato da un male incurabile, in una mattina di primavera: senza far rumore, com’era nel suo stile.

Mi è sempre difficile dar l’addio a un artista senza scadere nel retorico o lasciarmi prendere da un eccesso di struggimento emotivo, tanto più avendolo conosciuto personalmente, e apprezzandolo non solo come compositore e interprete, ma anche per il suo modo di esserlo.

Franz Coriasco / Città Nuova

Abonnez-vous à RADICI pour lire la suite de l’article

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *