Intervista ad Altan : « Gli italiani sono migliori dei loro governanti »

Lire

Cipputi è un operaio metalmeccanico, pieno di buona volontà (opera pubblicata in Francia: Un métallo nommé Ciputti, Artefact, 1983, ndr). Che non si fa più illusioni eppure continua a essere una persona per bene. La Pimpa, invece, è una cagnolina bianca e rossa a pois, sempre allegra e vispa in un mondo dove il sole sorride e tutto è colorato (in Francia, cartone animato diffuso dal 1984, ndr). Al parco, invece, ci sono due vecchietti stanchi che parlano di politica, pensioni, salute e di tutto quello che passa sopra le loro teste. E poi ecco il camaleonte Kamillo Kromo, l’avventurosa Ada, lo squallido Friz Melone, il dio pasticcione Trino, le bellone sexy dalla battuta pungente, l’intrepido Colombo. Tanti personaggi e una sola matita, quella di Francesco Tullio Altan. 74 anni, trevisano, disegnatore e autore satirico, negli ultimi quarant’anni, con oltre 7mila vignette, ha fatto sorridere i bambini e, sulle pagine di Panorama, L’Espresso e La Repubblica, riflettere i grandi, fotografando l’Italia tra sogni, storture e rimpianti.

Come nascono le sue vignette?

Dall’osservazione di quanto succede attorno a noi: una frase, un avvenimento. Su quello creo una battuta e poi, come se facessi il casting di un film, cerco tra i miei personaggi il più adatto a pronunciarla.

Biagio Picardi

Pour lire la totalité de l’article abonnez-vous à la revue

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus
close
Facebook IconTwitter IconGoogle PlusGoogle Plus