Libera Chiesa in libero Stato

Cavour

Camillo Benso, conte di Cavour, al parlamento italiano, 27 marzo 1861.

“Tutti sono concordi nel volere che si acclami Roma come capitale d’Italia1 che si solleciti il governo ad adoperarsi, onde questo voto universale abbia il suo compimento […] Ma qui mi pare che, quando noi ci presentiamo al sommo pontefice e gli diciamo: santo padre, il potere temporale per voi non è più garanzia d’indipendenza2 […] ebbene, quello che voi non avete mai potuto ottenere da quelle potenze3 che si vantavano di essere i vostri alleati e vostri figli devoti, noi veniamo a offrirvelo in tutta la sua pienezza; noi siamo pronti a proclamare nell’Italia questo gran principio: libera Chiesa in libero Stato4.”

Giuliana Rotondi / Focus Storia

Abonnez-vous à RADICI pour lire la suite de l’article

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *