Il piccolo pastore che ha sconfitto i grandi del cemento

Ovidio Marras

Davide vince ancora contro Golia. E questa volta prende il nome di un pastore sardo: Ovidio Marras di Tuerredda in provincia di Cagliari.

Ovidio Marras ha 85 anni e fa il pastore. Il corpo scarno, i lineamenti marcati, la pelle indurita dal sole e dal lavoro. L’uniforme è da soldato: camicia a quadri, berretto verde in testa, pantalone pesante di fustagna. Da 82 anni vive qui, prima l’ha fatto con tutta la sua famiglia, poi con il fratello paralitico e adesso solo con i suoi animali e la sorella Giovanna in una minuscola casetta a pochi metri da Tuerredda, spiaggia di Teulada, in Sardegna, considerata dal National Geographic come una delle più belle al mondo. Attorno a lui ci sono ville, alberghi, ma soprattutto cantieri turistici che rischiano di rovinare questo paradiso terrestre tra Capo Malfatano e Capo Spartivento. Tanto bella che ha richiamato non solo l’attenzione dei turisti di tutto il mondo ma anche dei grandi gruppi edilizi, che negli anni hanno cominciato a costruire in ogni dove: cemento su cemento.

Biagio Picardi

Abonnez-vous à RADICI pour lire la suite de l’article

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *