Perché si dice franchi tiratori?

Franchi tiratori

L’espressione « franchi tiratori » deriva dal francese franc-tireur, che nel gergo militare indicava un guerrigliero non inquadrato (franco, ovvero libero) nell’esercito regolare.

I franchi tiratori erano dunque gruppi o singoli individui che operavano isolati contro forze regolari. Sebbene in Francia i francs-tireurs fossero apparsi già alla fine del Settecento, nella lingua italiana il termine è stato introdotto per la prima volta nei resoconti giornalistici della guerra franco-prussiana (1870-71).

I franchi tiratori si nascondevano in posizioni strategiche e cercavano di sparare senza farsi scoprire. Proprio facendo riferimento a questo modo di agire, l’espressione viene utilizzata, a partire dagli Anni ‘50, nel linguaggio politico e giornalistico: viene detto “franco tiratore” quel parlamentare che, approfittando di uno scrutinio segreto, vota in modo diverso da quello concordato con il proprio schieramento e contro le indicazioni del gruppo di appartenenza. Un esempio? Aprile 2013, votazione per il presidente della Repubblica: alcuni deputati del Partito democratico non votarono per Romano Prodi, candidato scelto invece dal loro partito.

Domanda posta da Saverio Falco

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *