Occupazione: ancora non ci siamo

Occupazione


Leggere i dati dell’occupazione non è mai semplice, e quelli dell’ultimo trimestre del 2017 hanno sì qualche luce ma ancora parecchie ombre.

La tendenza generale è un lieve aumento del lavoro a termine con contratti a durata determinata. Vero è che questi contratti sono aumentati di oltre 400mila unità rispetto su base annua, ma sull’alto piatto della bilancia ci sono i contratti a tempo indeterminato, il tanto agognato « posto fisso ». I contratti indeterminati sono purtroppo in continuo calo: 34mila contratti in meno rispetto al trimestre precedente (dati Istat). Anche i lavori intermittenti sono in crescita (+69,2%) rispetto ai due trimestre precedenti, a ulteriore conferma che i contratti a tempo indeterminato diventano sempre più rari, rendendo più fragile la totalità del mercato del lavoro.

Giovanni Canzanella

Dans le même numéro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *